Serpentone

CORONAVIRUS - in caso di dubbi sul tuo stato di salute, non recarti al Pronto Soccorso, consulta prima il tuo Medico Curante o la Guardia Medica 0861 440 620, in alternativa chiama uno di questi numeri: _____ Asl di Teramo 800 090 147 _____ Asl Regione Abruzzo 800 595 459 _____ Emergenza 112 _____ Ministero della Salute 1500

lunedì 1 settembre 2014

MALTEMPO: criticita’ "ROSSA" per rischio idraulico in Abruzzo

PEGGIORANO le previsioni di rischio per l'Abruzzo.

Nuovo comunicato di allerta
diramato oggi (1 settembre 2014) dal
DIPARTIMENTO NAZIONALE
della PROTEZIONE CIVILE



Maltempo: criticita’ rossa per rischio idraulico in Abruzzo
1 settembre 2014

Proseguono gli effetti dell’annunciata perturbazione nord-europea che sta interessando il centro-sud Italia e per cui era già stato emesso, nella giornata di ieri, un avviso di condizioni meteorologiche avverse. I fenomeni meteo, impattando sulle diverse aree del Paese, possono determinare delle criticità idrogeologiche e idrauliche che sono riportate, in una sintesi nazionale, nel bollettino di criticità consultabile sul sito del Dipartimento (www.protezionecivile.gov.it).

Vista l’evoluzione meteorologica che conferma le previsioni di precipitazioni diffuse e persistenti, anche a carattere di rovescio e temporale, su molte regioni del centro sud e in particolare sul medio e basso versante adriatico, è stata valutata, per oggi e domani, criticità rossa per rischio idraulico sull’Abruzzo meridionale. Per la giornata di oggi, la criticità valutata è invece arancione, per rischio idraulico e idrogeologico, su gran parte del centro-sud, dalle Marche fino alla Calabria, con la sola eccezione dei settori tirrenici laziali e di parte della Basilicata, indicati in criticità gialla. Il bollettino indica inoltre, sempre in criticità gialla, Friuli Venezia Giulia ed Emilia Romagna nonché i settori settentrionali delle due isole maggiori.

È utile ricordare che le valutazioni di criticità idrogeologica (su tre livelli: rossa, arancione e gialla) possono includere una serie di danni sul territorio, in particolare, la criticità rossa indica la possibilità di: estese frane superficiali e colate rapide detritiche o di fango; possibili attivazione o riattivazione di fenomeni di instabilità dei versanti, anche profonde e di grandi dimensioni; possibile caduta massi. Ingenti ed estesi danni a edifici e centri abitati, infrastrutture, beni e servizi, sia prossimi sia distanti dai corsi d'acqua, o coinvolti da frane o da colate rapide. Grave pericolo per la pubblica incolumità.

Il quadro meteorologico e delle criticità previste sull’Italia è aggiornato quotidianamente in base alle nuove previsioni e all’evolversi dei fenomeni, ed è disponibile sul sito del Dipartimento della Protezione Civile (www.protezionecivile.gov.it), insieme alle norme generali di comportamento da tenere in caso di maltempo. Le informazioni sui livelli di allerta regionali, sulle criticità specifiche che potrebbero riguardare i singoli territori e sulle azioni di prevenzione adottate sono gestite dalle strutture territoriali di protezione civile, in contatto con le quali il Dipartimento seguirà l’evolversi della situazione.